Articoli di Altri Autori

Altri Autori


0

Il discorso sull’estinzione buddhista che salvó la vita ad Evola

Com’è noto, Evola intorno ai ventitré anni raggiunse il culmine di una grave crisi esistenziale, dovuta alla potenza di quell’impulso alla trascendenza in lui congenito, che egli non riusciva ad incanalare nella giusta direzione. La lettura di un passo di un testo del buddhismo delle origini diede al giovane Evola l’illuminazione necessaria affinchè quella crisi…

0

Civiltà | Evola: un anno dopo

Nell’anniversario della scomparsa terrena di Julius Evola, riproponiamo, nell’ambito dello speciale “Civiltà”, un articolo in sua memoria scritto per il celebre periodico dall’avvocato Paolo Andriani, esattamente un anno dopo la dipartita del grande maestro. *** di Paolo Andriani (da “Civiltà” n. 12-13 maggio-agosto 1975) Roma, Corso Vittorio 197, un anno fa. Sono quasi le 3…

0

Civiltà | Una sfida alla storia: Diorama Filosofico

Sempre nell’ambito della ripubblicazione del numero speciale di “Civiltà” del settembre-dicembre 1974 dedicato ad Evola (con un estratto di articoli anche dal numero 12-13 del maggio-agosto 1975) vi riproponiamo l’esaustivo saggio di Mario Bernardi Guardi sul Diorama Filosofico diretto da Evola sulla terza pagina de “Il Regime Fascista” di Roberto Farinacci (saggio originariamente uscito in…

0

Civiltà | M. Pinto – L’anima della cavalleria

Il varco per una ‘restituzione’. L’anima della Cavalleria di Manuel Pinto (tratto da Civiltà, Speciale Evola, num. 8-9, set.-dic. 1974) Per onorare degnamente la memoria di Julius Evola, ci sembra soprattutto opportuno porre in rilievo quegli aspetti della sua opera che si promettono come particolarmente fecondi di ulteriori sviluppi dottrinari e pratici. Nulla sarebbe infatti…

0

Civiltà | Dalle macerie di Vienna a Regina Coeli. Ricordo dell’uomo

di Amalia Baccelli* (Tratto da Civiltà, Rivista di dottrina politica e di cultura, anno II, nn° 8-9, Roma, settembre-dicembre 1974, pp. 43-46) La scomparsa di Julius Evola dalla scena terrena non costituisce soltanto la perdita di uno degli intelletti più elevati di questo secolo per il mondo del pensiero italiano, ma rappresenta anche, per quanti ebbero…

0

Civiltà | M.Tarchi – La rivolta contro l’uomo qualunque

Terzo appuntamento con la nostra rubrica che raccoglie gli articoli dello speciale edito dalla rivista “Civiltà” in occasione della dipartita terrena di Evola. Oggi è la volta di Marco Tarchi, la cui penna ci conduce in un viaggio tra le pagine degli innumerevoli libri e riveste coperte dall’inchiostro di Evola, alla scoperta del messaggio e dell’eredità…

0

Civiltà | Politico e metapolitico (intervista all’Avv. Andriani)

Nota redazionale Proseguiamo la ripubblicazione integrale del numero della rivista “Civiltà” in memoria di Julius Evola: dopo l’apertura di Pino Rauti, ecco la riproposizione dell’intervista all’avv. Paolo Andriani, originariamente rilasciata a “L’Italiano” e curata da Massimo Chiari e Luigi Filippi. Prima di lasciarvi alla lettura dell’intervista, riteniamo doverose alcune precisazioni. In primo luogo, l’avvocato Andriani, come…

0

Civiltà | P. Rauti – Evola: una guida per domani

Introduzione della Redazione: l’articolo pubblicato di seguito è il primo articolo, a firma del direttore Pino Rauti, del num. 8-9 (sett.-dic. 1974) della rivista Civiltà, numero dedicato interamente a Julius Evola, scomparso nel giugno di quell’anno. A questo articolo, significativo per comprendere l’influenza di Evola nella c.d. “destra radicale” del dopo-guerra, farà seguito la ripubblicazione integrale di tutti gli…

0

“Gli uomini e le rovine” e la generazione degli anni di piombo

Intervento di Andrea Marcigliano al Convegno su Julius Evola per i sessant’anni dalla pubblicazione de “Gli uomini e le rovine”, presso L’Universale, Roma sabato 30 novembre 2013, promosso dalla Fondazione Julius Evola, dalla Scuola Romana di Filosofia Politica e dalle Edizioni Mediterranee. La mia generazione – quella che nacque negli anni “50, proprio quando Evola…

"In una civiltà tradizionale è quasi inconcepibile che un uomo pretenda di rivendicare la proprietà di una idea e, in ogni caso, in essa chi così facesse, con ciò stesso si priverebbe di ogni credito e di ogni autorità, poiché condannerebbe l’idea a non esser più che una specie di fantasia senza alcuna reale portata. Se una idea è vera, essa appartiene in egual modo a tutti coloro che sono capaci di comprenderla; se è falsa, non c’è da gloriarsi di averla inventata. Una idea vera non può essere «nuova», poiché la verità non è un prodotto dello spirito umano, essa esiste indipendentemente da noi, e noi abbiamo solo da conoscerla. Fuor da tale conoscenza, non può esservi che l’errore" (R. Guénon)

Tutto quanto pubblicato in questo sito può essere liberamente replicato e divulgato, purché non a scopi commerciali, e purché sia sempre citata la fonte - RigenerAzione Evola