I due volti del Liberalismo

Qualche tempo fa ci siamo occupati di un articolo apparso sulla  rivista online “Il Dubbio” che attribuiva a Julius Evola la natura di vero e proprio “libertario”, un’indole che sarebbe stata nascosta sotto l’etichtta di “fascista” e “reazionario”, notoriamente affibiatagli. Oltre che a rinviare a quanto da noi osservato al riguardo nell’apposito editoriale, ed oltre che a rimandare agli approfondimenti contenuti nel capitolo III (“Personalità – libertà – gerarchia”) de “Gli Uomini e le Rovine” , riproponiamo quest’articolo dove sinteticamente, ma in modo decisamente chiaro, Evola precisava determinate posizioni in materia di libertà, liberalismo e dintorni.

***

di Julius Evola

(tratto da Il Borghese, n. 41, Roma, 10 ottobre 1968)

Una coalizione delle forze di Destra, se già da tempo in Italia sarebbe stata auspicabile, al giorno d’oggi, dato il crescente deteriorarsi della situazione interna, dovrebbe presentarsi come una esigenza imprescindibile a chiunque abbia un senso di responsabilità politica e morale. L’unità nei termini di un movimento nazionale complessivo, che dovrebbe cercare di guadagnare gradatamente a sé strati sempre più ampi della popolazione, sarebbe la prospettiva migliore. Ma vi è da considerare anche l’intesa di quei partiti politici che oggi vengono genericamente chiamati di Destra, per il peso che avrebbe una loro coalizione anche semplicemente tattica, ma ben concertata, nella lotta politica da svolgere nel quadro democratico parlamentare.

Gli ostacoli che, tuttavia, incontra ancora questa stessa unità semplicemente tattica e pragmatica non possono che accusare la prevalenza di interessi particolari, spesso anche personali, e di punti di vista assai ristretti, rispetto ad un più alto, impersonale, comune interesse. Qui non considereremo questo aspetto strettamente politico del problema. Vorremmo invece intraprendere una breve analisi dal punto di vista dottrinale. Anche se essa allo stato presente delle cose potrà apparire inattuale e soltanto accademica, pure non mancherà forse di presentare un certo interesse per una discussione delle idee e per un orientamento.

Ci proponiamo, cioè, di vedere quali elementi validi potrebbero essere raccolti da ciascuno dei partiti che oggi sono indicati come di Destra, epperò quale sarebbe il contributo che essi ideologicamente, in via di principio, potrebbero dare alla definizione e alla costruzione di un vero Stato, di uno Stato di Destra.

I partiti che entrano in questione sono quello Liberale, quello di Unità Monarchica e il Movimento Sociale Italiano. Non esiste, in Italia, un partito conservatore (un tale carattere non lo si può di certo riconoscere alla DC, il cui scialbo tradizionalismo borghese clericaleggiante sta ormai dando luogo ad una decisa apertura alle forze di sinistra). Del resto, nell’Italia vi sarebbe ben poco da «conservare». A prescindere dal periodo fascista, resterebbe quel periodo post-risorgimentale nel quale la cosiddetta Destra storica fu ben lungi dal rappresentare qualcosa di paragonabile, come significato, a ciò che sono stati i partiti conservatori, soprattutto nell’Europa centrale, in parte anche in Inghilterra.

Cominceremo con l’esame del liberalismo. Ha qualcosa di sintomatico e quasi di umoristico il fatto che esso oggi da noi si presenti come un partito di Destra, mentre nel precedente periodo gli uomini di Destra videro in esso la bestia nera, una forza sovvertitrice e disgregatrice proprio come attualmente vengono considerati (anche dagli stessi liberali) il marxismo e il comunismo. In effetti, a partire dal ’48, il liberalismo, il nazionalismo rivoluzionario e l’ideologia massonica antitradizionale appaiono, in Europa, strettamente collegati, ed è sempre interessante sfogliare le antiche annate di Civiltà Cattolica per vedere come ci si esprimeva nei riguardi del liberalismo di quel tempo.

House of Commons britannica, dove l’opposizione svolgeva tradizionalmente un ruolo di reale partecipazione organica (la cd. “His Majesty’s most loyal opposition”)

Ma noi lasceremo da parte questa congiuntura per dare un breve cenno, necessario ai nostri fini, sulle origini del liberalismo. È noto che tali  origini vanno cercate in Inghilterra, e può dirsi che i precedenti del liberalismo furono feudali e aristocratici: ci si deve riferire ad una nobiltà locale gelosa dei suoi privilegi e delle sue libertà la quale, facendo corpo nel Parlamento, intese difendersi da ogni abuso della Corona. In seguito, parallelamente all’avanzata della borghesia, il liberalismo si rflesse nell’ala whig del Parlamento opponendosi ai conservatori, ai Tories. Ma è da rilevare che fino a ieri il partito svolse la funzione di una «opposizione organica», fermo restando il lealismo allo Stato, tanto che si poté parlare della His Majesty’s most loyal opposition (la lealissima opposizione di Sua Maestà). L’opposizione esercitava nel sistema bipartitico una semplice funzione di freno e di controllo.

Il fattore ideologico di sinistra non penetrò nel liberalismo che in un periodo relativamente recente, e non senza relazione con la prima rivoluzione spagnola, tanto è vero che la designazione originaria dei liberali fu quella spagnola, ossia liberales (e non liberals, come in inglese). Ed è qui che comincia la flessione. È da tener per fermo che il primo liberalismo inglese ebbe un carattere aristocratico: fu un liberalismo del gentleman, epperò un liberalismo di classe. Non si pensò a libertà che ognuno potesse rivendicare. Sussiste tuttora in Inghilterra questo aspetto sano e, in fondo, apolitico del liberalismo: il liberalismo non come una ideologia politico-sociale ma come l’esigenza che, a prescindere dalla particolare forma del regime politico, il singolo possa godere di un massimo di libertà, che la sfera della sua privacy, della sua vita personale privata, sia rispettata e venga evitata l’intromissione di un potere estraneo e collettivo. In via di principio, questo è un aspetto accettabile e positivo del liberalismo, che dovrebbe distinguerlo dalla democrazia, poiché nella democrazia il momento sociale e collettivizzante predomina su quello della libertà individuale.

la rivoluzione francese e l’illuminismo hanno contribuito in modo decisivo alla definita degenerazione dell’antico liberalismo aristocratico in mero individualismo atomistico

Ma qui si ha anche il punto di svolta, perché un liberalismo generalizzato e indiscriminato, assumendo vesti ideologiche, si fuse, sul continente europeo, col movimento illuminista e razionalista. Qui venne in primo piano il mito dell’uomo che, per essere libero e veramente sé stesso, deve disconoscere e respingere ogni forma di autorità, deve seguire soltanto la sua ragione, non deve ammettere altri vincoli oltre quelli estrinseci, da ridurre ad un  minimo, senza i quali nessuna vita consociata sarebbe possibile. In questi termini il liberalismo divenne sinonimo di rivoluzione e di individualismo (ancora un passo avanti, e si giunge all’idea anarchica). L’elemento primario è visto nell’individuo, nel singolo. E qui vengono introdotte due pesanti ipoteche nel segno di ciò che Croce doveva denominare la «religione della libertà» ma che noi piuttosto chiameremmo il feticismo della libertà.

La prima ipoteca è che l’individuo sia ormai «evoluto e cosciente», quindi capace di riconoscere da sé o di creare ogni valore. La seconda e che dall’insieme dei singoli individui lasciati allo stato libero (laissez faire, laissez aller) possa sorgere miracolisticamente un ordine saldo e stabile: per il che, bisognerebbe però ricorrere alla concezione teologica di Leibniz della cosiddetta «armonia prestabilita» (dalla Provvidenza), tale che, per usare un paragone, benché le rotelle dell’orologio vadano ognuna per conto suo, pure l’orologio funzioni e segni sempre l’ora esatta. In sede economica, dal liberalismo deriva il «liberismo», che si può chiamare l’applicazione dell’individualismo nel campo economico-produttivo, afietto da una uguale utopia ottimistica circa un ordine che nasca da sé e sia tale da tutelare veramente la conclamata libertà (dove vada a finire la libertà del più debole, in regime di una sfrenata e piratesca concorrenza, lo si sa bene). Ma lo spettacolo offerto dal mondo moderno mostra quanto siano arbitrario l’una e l’altra assunzione.

A questo punto si può venire ad alcune conclusioni. Il liberalismo ideologico, nei termini or ora accennati, è evidentemente incompatibile con l’ideale di un vero Stato della Destra. Non può essere accettata la premessa né la fondamentale insofferenza per ogni superiore principio di autorità. La concezione individualistica ha un carattere inorganico; la presunta rivendicazione della dignità del singolo si risolve, in fondo, in una menomazione di essa per via di una premessa ugualitaria e livellatrice. Così nei tempi più recenti il liberalismo non ha avuto nulla da ridire circa il regime del suffragio universale della democrazia assoluta, dove la parità di qualsiasi voto, riducente la persona ad un semplice numero, è una grave offesa all’individuo nel suo aspetto personale e differenziato.  Poi, in fatto di libertà, si trascura l’essenziale distinzione fra la libertà da qualcosa e la libertà per qualcosa (ossia per fare qualcosa). Ha poco senso essere tanto gelosi della prima libertà, della libertà esterna, quando non si sanno indicare ideali e fini politici superiori in funzione dei quali l’uso di essa acquisti un vero significato. La concezione di base di un vero Stato, di uno Stato di Destra, è «organica», non individualistica.

Ma se il liberalismo, rifacendosi alla sua tradizione pre-ideologica e pre-illuminata, si limitasse a propugnare la massima libertà possibile della sfera individuale privata, a combattere ogni abusiva o non necessaria intromissione in essa di poteri pubblici e societari, se esso servisse da remota alle tendenze «totalitarie» in senso negativo e oppressivo, se difendesse il principio di libertà parziali (ma esso dovrebbe difendere anche l’idea di corpi intermedi, dotati appunto di parziali autonomie, fra vertice e base dello Stato, il che lo condurrebbe verso un corporativismo), se fosse disposto a riconoscere uno Stato omnia potens ma non omnia facens (W. Heinrich) ossia esercitante una superiore autorità senza intromettersi dappertutto, il contributo «liberale» sarebbe senz’altro positivo.

Il caos della frammentazione partitocratica, esatto contrario dell’unità gerarchica dello Stato organico

Specie data la situazione attuale italiana, potrebbe essere anche positiva la separazione, propugnata dal liberalismo ideologico, della sfera politica da quella ecclesiastica, sempreché ciò non implichi la laicizzazione materialistica della prima. Qui s’incontrerebbe però, verosimilmente, un ostacolo difficile da superare, perché il liberalismo ha una fobia per tutto ciò che può assicurare all’autorità statale un fondamento superiore e spirituale e professa un feticismo per il cosiddetto «Stato di diritto»: uno Stato, cioè, della legalità astratta, quasi che la legalità esistesse fuori dalla storia, e diritto e costituzione cadessero belli e fatti dal cielo, con carattere di irrevocabilità.

Lo spettacolo della situazione a cui ha condotto la partitocrazia in regime di masse e di demagogia, dovrebbe poi far riflettere sull’antica tesi liberale (e democratica), che il pluralismo disordinato dei partiti garantisca la libertà. E in quanto alla libertà rivendicata ad ogni costo su altri piani, ad esempio su quello della cultura, oggi varie precisazioni sarebbero opportune, se non si vuole che tutto vada definitivamente e velocemente alla deriva. Si vede bene di che cosa l’uomo moderno, divenuto finalmente «adulto e cosciente» (secondo il liberalismo e la democrazia progressista) si è reso capace nei tempi ultimi con la sua «libertà», che spesso è stata quella di produrre sistematicamente bacilli ideologici e culturali che stanno portando alla dissoluzione un’intera civiltà.

Ma a tale riguardo il discorso sarebbe lungo e porterebbe fuori dal quadro del nostro esame. Supponiamo che con queste note, sia pure in modo estremamente sommario, ciò che di positivo e ciò che di negativo può presentare il liberalismo dal punto di vista della Destra, sia stato messo in evidenza.



Julius Evola

A proposito di...


'I due volti del Liberalismo' has no comments

Vuoi essere il primo a commentare questo articolo?

Vuoi condividere i tuoi pensieri?

Il tuo indirizzo email non verrà divulgato.

"In una civiltà tradizionale è quasi inconcepibile che un uomo pretenda di rivendicare la proprietà di una idea e, in ogni caso, in essa chi così facesse, con ciò stesso si priverebbe di ogni credito e di ogni autorità, poiché condannerebbe l’idea a non esser più che una specie di fantasia senza alcuna reale portata. Se una idea è vera, essa appartiene in egual modo a tutti coloro che sono capaci di comprenderla; se è falsa, non c’è da gloriarsi di averla inventata. Una idea vera non può essere «nuova», poiché la verità non è un prodotto dello spirito umano, essa esiste indipendentemente da noi, e noi abbiamo solo da conoscerla. Fuor da tale conoscenza, non può esservi che l’errore" (R. Guénon)

Tutto quanto pubblicato in questo sito può essere liberamente replicato e divulgato, purché non a scopi commerciali, e purché sia sempre citata la fonte - RigenerAzione Evola