Intervista di Julius Evola a “La Nation Européenne”

Proponiamo un’intervista a Julius Evola risalente ad un periodo compreso tra la fine del 1966 e l’inizio del 1967, di indubbio interesse ed attualità, apparsa originariamente in due puntate sul mensile francese “La Nation Européenne” fondato da Jean Thiriart, e successivamente recuperata e tradotta in italiano da Claudio Mutti, del quale riportiamo anche il commento introduttivo.  

***

L’intervista che traduciamo qui di seguito apparve originariamente in francese, sui nn. 13 (15 dicembre 1966 – 15 gennaio 1967) e 14 (15 febbraio – 15 marzo 1967) del mensile “La Nation Européenne” (Parigi). Il periodico, diretto da Gérard Bordes, aveva come “conseiller politique” Jean Thiriart, che l’aveva fondato tra il 1965 e il 1966, e contava su una rete paneuropea di collaboratori. L’intervista, realizzata da Franco Rosati, era accompagnata da una foto e da una bibliografia francese della produzione evoliana ed era preceduta da una breve presentazione in cui, nonostante Evola venisse definito “uno dei più grandi pensatori europei (…), un caposcuola, un maestro”, si prendevano le distanze nei confronti della sua “sfiducia verso l’avvenire unitario dell’Europa”. Al testo dell’intervista seguiva, sul n. 14, una nota redazionale che esprimeva in termini chiarissimi la divergenza esistente fra il tradizionalismo di Evola e il pragmatismo di Thiriart. Infatti vi si leggeva tra l’altro: “La ‘Tradizione’, certo, è rispettabile. Vogliamo anzi ammettere che noi attingiamo da essa un certo modo di vedere il mondo e un certo metodo di azione. Ma non possiamo accettare di fare di questa ‘Tradizione’ un nuovo ‘senso della storia’ e ancor meno una Bibbia in cui è racchiuso tutto. Per noi, la verità si costruisce ogni giorno attraverso metodi e vie diverse. (…) La verità non è posta fin da principio come un faro che rischiara la via. Noi pensiamo piuttosto che, alla fine, la lenta e difficile scoperta della verità nasca, il più delle volte, dall’azione e grazie all’azione”.

***

Lei crede che esista un rapporto tra la filosofia e la politica? Una filosofia può influire su un’impresa di ricostruzione politica nazionale o europea?

cavalcare la tigre-evolaIo non credo che una filosofia intesa in senso strettamente teorico possa influire sulla politica. Perché eserciti un’influenza, bisogna che essa si incarni in un’ideologia o in una concezione del mondo. È quanto è avvenuto, per esempio, con l’illuminismo, col materialismo dialettico marxista e con certe concezioni filosofiche che erano incorporate nella concezione del mondo del nazionalsocialismo tedesco. In generale, l’epoca dei grandi sistemi filosofici è terminata; non esistono più che filosofie bastarde e mediocri. A una delle mie opere passate, del mio periodo filosofico, io avevo posto in esergo queste parole di Jules Lachelier: “La filosofia (moderna) è una riflessione che ha finito per riconoscere la propria impotenza e la necessità di un’azione che parta dall’interno” (1). Il dominio proprio di un’azione di questo tipo ha un carattere metafilosofico. Di qui, la transizione che si osserva nei miei libri, i quali non parlano di “filosofia”, ma di “metafisica”, di visione del mondo e di dottrine tradizionali.

Lei pensa che morale ed etica siano sinonimi e che debbano avere un fondamento filosofico?

E’ possibile stabilire una distinzione, se per “morale” si intende propriamente il costume e per “etica” una disciplina filosofica (quella che viene chiamata la “filosofia morale”). A mio parere, qualunque etica o qualunque morale voglia avere un fondamento filosofico di carattere assoluto, è illusoria. Senza riferimento a qualcosa di trascendente, la morale non può avere che una portata relativa, contingente, “sociale” e non può resistere ad una critica dell’individualismo, dell’esistenzialismo o del nichilismo. Lo ho dimostrato nel mio libro Cavalcare la tigre, nel capitolo intitolato Nel mondo dove Dio è morto. In questo capitolo ho anche affrontato la problematica posta da Nietzsche e dall’esistenzialismo.

Lei crede che l’influenza del Cristianesimo sia stata positiva per la civiltà europea? Non pensa che l’aver adottato una religione d’origine semitica abbia snaturato certi valori europei tradizionali?

meister-eckhart

Meister Eckhart (1260-1328)

Parlando di Cristianesimo, ho spesso usato l’espressione “la religione che è venuta a prevalere in Occidente”. Infatti il più grande miracolo del Cristianesimo è di essere riuscito ad affermarsi tra i popoli europei, anche tenendo conto della decadenza in cui erano piombate numerose tradizioni di questi popoli. Tuttavia non bisogna dimenticare i casi in cui la cristianizzazione dell’Occidente è stata soltanto esteriore. Inoltre, se il Cristianesimo ha, senza alcun dubbio, alterato certi valori europei, vi sono anche dei casi in cui questi valori sono risorti dal Cristianesimo rettificandolo e modificandolo. Altrimenti il cattolicesimo sarebbe inconcepibile nei suoi diversi aspetti “romani”; allo stesso modo sarebbe inconcepibile una parte della civiltà medioevale con fenomeni quali l’apparizione dei grandi ordini cavallereschi, del tomismo, una certa mistica di alto rango (per esempio Meister Eckhart), lo spirito della Crociata ecc.

Lei pensa che il conflitto tra guelfi e ghibellini nel corso della storia europea sia qualcosa di più che non un semplice episodio politico e costituisca un conflitto tra due diversi tipi di spiritualità? Ritiene possibile una recrudescenza del “ghibellinismo”?

L’idea che alle origini della lotta tra l’Impero e la Chiesa non vi sia stata soltanto una rivalità politica, ma che questa lotta traducesse l’antinomia di due diversi tipi di spiritualità, questa idea costituisce il tema centrale del mio libro Il mistero del Graal e la tradizione ghibellina dell’Impero. Questo libro è stato edito in tedesco e uscirà presto anche in francese.

federico II-impero-europaIn fondo, il “ghibellinismo” attribuiva all’autorità imperiale un fondamento di carattere soprannaturale e trascendente quanto quello che la Chiesa pretendeva di essere la sola a possedere (Dante stesso difende in parte la medesima tesi). Così certi teologi ghibellini poterono parlare di “religione regale” e, in particolare, attribuire un carattere sacro ai discendenti degli Hohenstaufen. Beninteso, l’Impero cristallizzava un tipo di spiritualità che non poteva essere identificato con la spiritualità cristiana. Ma se questi sono i dati del conflitto guelfi-ghibellini, è chiaro, allora, che una resurrezione del “ghibellinismo” alla nostra epoca è molto problematica. Dove trovare, infatti, i “riferimenti superiori” per opporsi alla Chiesa, se ciò non avviene in nome di uno Stato laico, secolarizzato, “democratico” o “sociale”, sprovvisto di ogni concezione dell’autorità proveniente dall’alto? Già il “Los von Rom” e il “Kulturkampf” (2) del tempo di Bismarck avevano soltanto un carattere politico, per non parlare delle aberrazioni e del dilettantismo di un certo neopaganesimo.

Nel suo libro Il Cammino del Cinabro, dove è esposta la genesi delle sue opere, lei ammette che il principale difensore contemporaneo della concezione tradizionale, René Guénon, ha esercitato una certa influenza su di lei, al punto che la hanno definita “il Guénon italiano”. Esiste una corrispondenza perfetta tra il suo pensiero e quello di Guénon? E non crede, a proposito di Guénon, che certi ambienti sopravvalutino la filosofia orientale?

Evola guenon mondo moderno tradizione lettere epistolario massoneria sovversioneIl mio orientamento non differisce da quello di Guénon per quanto concerne il valore da attribuire al Mondo della Tradizione. Per Mondo della Tradizione bisogna intendere una civiltà organica e gerarchica in cui tutte le attività sono orientate dall’alto e verso l’alto e sono improntate a valori che non sono semplicemente valori umani. Come Guénon, io ho scritto diverse opere sulla sapienza tradizionale, studiandone direttamente le fonti. La prima parte della mia opera principale Rivolta contro il mondo moderno è appunto una “Morfologia del Mondo della Tradizione”. Vi è anche corrispondenza tra Guénon e me per quanto concerne la critica radicale del mondo moderno. Su questo punto vi sono tuttavia delle divergenze minori tra lui e me. Data la sua “equazione personale”, nella spiritualità tradizionale Guénon ha assegnato alla “conoscenza” e alla “contemplazione” il primato sull’azione; egli ha subordinato la regalità al sacerdozio. Io, invece, mi sono sforzato di presentare e di valorizzare l’eredità tradizionale dal punto di vista di una spiritualità da “casta guerriera” e di mostrare le possibilità parimenti offerte dalla “via dell’azione”. Una conseguenza di questi punti di vista differenti è che, se Guénon assume come base per una eventuale ricostruzione tradizionale dell’Europa una élite intellectuelle, io, per quanto mi concerne, sono piuttosto incline a parlare di un ordine. Divergono anche i giudizi che Guénon ed io diamo del Cattolicesimo e della Massoneria. Credo tuttavia che la formula di Guénon non si situi nella linea dell’uomo occidentale, il quale è malgrado tutto, per sua natura, orientato specialmente verso l’azione.

Non si può qui parlare di “filosofia orientale”; si tratta piuttosto di modalità di pensiero orientali facenti parte di un sapere tradizionale che, anche in Oriente, si è conservato più integro e più puro ed ha preso il posto della religione, ma era parimenti diffuso nell’Occidente premoderno. Se queste modalità di pensiero valorizzano ciò che ha un contenuto universale metafisico, non si può dire che vengano sopravvalutate. Quando si tratta di concezione del mondo, bisogna guardarsi dalle semplificazioni superficiali. L’Oriente non comprende solo l’India del Vêdanta, della dottrina della Mâyâ e della contemplazione distaccata dal mondo; esso comprende anche l’India che, con la Bhagavad Gîtâ, ha dato una giustificazione sacrale alla guerra e al dovere del guerriero; comprende anche la concezione dualista e combattiva della Persia antica, la concezione imperiale cosmocratica dell’antica Cina, la civiltà giapponese, la quale è così lontana dall’essere unicamente contemplativa e introversa, che in Giappone una frazione esoterica del buddhismo ha potuto dar nascita alla “filosofia dei Samurai”, ecc..

Rivolta contro il mondo moderno (1982)Sfortunatamente, ciò che caratterizza il mondo europeo moderno non è l’azione, ma la sua contraffazione, vale a dire un attivismo privo di fondamento, che si limita al dominio delle realizzazioni puramente materiali. “Si sono distaccati dal cielo col pretesto di conquistare la terra”, fino a non sapere più che cosa sia veramente l’azione.

Il suo giudizio sulla scienza e sulla tecnica sembra, nella sua opera, negativo. Quali sono le ragioni della sua posizione? Non crede che le conquiste materiali e l’eliminazione della fame e della miseria permetteranno di affrontare con più energia i problemi spirituali?

Per quanto riguarda il secondo punto da lei sollevato, dirò che, come esiste uno stato di abbrutimento dovuto alla miseria, così esiste uno stato di abbrutimento dovuto al benessere e alla prosperità. Le “società del benessere”, nelle quali non si può più parlare di fame e di miseria, sono lungi dall’ingenerare un aumento della vera spiritualità; anzi, vi si constata una forma violenta e distruttiva di rivolta delle nuove generazioni contro il sistema nel suo insieme e contro un’esistenza sprovvista di ogni significato (USA-Inghilterra-Scandinavia). Il problema consiste piuttosto nel fissare un giusto limite, frenando la frenesia di un’economia capitalista creatrice di bisogni artificiali e liberando l’individuo dalla sua crescente dipendenza dall’ingranaggio sociale e produttivo. Bisognerebbe stabilire un equilibrio. Fino a poco tempo fa, il Giappone aveva dato l’esempio di un equilibrio di questo tipo; si era modernizzato e non si era lasciato distanziare dall’Occidente nei domini scientifico e tecnico, pur salvaguardando le sue tradizioni specifiche. Ma oggi la situazione è ben diversa.

C’è un altro punto fondamentale da sottolineare: è difficile adottare la scienza e la tecnica circoscrivendole entro i limiti di mezzi materiali e di strumenti di una civiltà, vale a dire mantenendo, nei lori riguardi, una certa distanza; al contrario, è praticamente inevitabile che ci si impregni della concezione del mondo su cui si basa la moderna scienza profana, concezione che viene praticamente inculcata nei nostri spiriti dai metodi di istruzione abituali e che ha, sul piano spirituale, un effetto distruttivo. Il concetto stesso della vera conoscenza viene così ad essere totalmente falsato.

Si è anche parlato del suo “razzismo spirituale”. Qual è il significato esatto di questa espressione?

sintesi dottrina razza - razzismo-evolaNella mia fase precedente, ho pensato bene di formulare una dottrina della razza che avrebbe impedito al razzismo tedesco e italiano di andare a finire in una sorta di “materialismo biologico”. Il mio punto di partenza è stato la concezione dell’uomo come essere costituito di corpo, di anima e di spirito, con il primato della parte spirituale sulla parte corporea. Il problema della razza doveva dunque porsi per ciascuno di questi tre elementi. Di qui la possibilità di parlare di una razza dello spirito e dell’anima, oltre alla razza biologica. L’opportunità di questa formulazione risiede nel fatto che una razza può degenerare, anche restando biologicamente pura, se la parte interiore e spirituale è morta, diminuita o obnubilata, se ha perso la propria forza (come presso certi tipi nordici attuali). Inoltre gl’incroci, di cui oggi pochissime stirpi sono esenti, possono avere come conseguenza che ad un corpo di una data razza siano legati, in un individuo, il carattere e l’orientamento spirituale propri di un’altra razza, donde una più complessa concezione del meticciato. La “razza interiore” si manifesta attraverso il modo d’essere, attraverso un comportamento specifico, attraverso il carattere, per non parlare della maniera di concepire la realtà spirituale (i diversi tipi di religioni, di etiche, di visioni del mondo ecc. possono esprimere “razze interiori” ben distinte). Questo punto di vista consente di superare molte concezioni unilaterali e di allargare il campo delle ricerche. Per esempio, il giudaismo si definisce soprattutto nei termini di una “razza dell’anima” (di una condotta) unica, osservabile in individui che, dal punto di vista della razza del corpo, sono assai diversi. D’altra parte, per dirsi “ariani” nel senso completo della parola non è necessario non avere la minima goccia di sangue ebraico o di una razza di colore; bisognerebbe innanzitutto esaminare qual è la vera “razza interiore”, ossia l’insieme di qualità che in origine corrispondevano all’ideale dell’uomo ario. Ho avuto occasione di dichiarare che, ai giorni nostri, non si dovrebbe insistere troppo sul problema ebraico; infatti, le qualità che dominavano e dominano oggi in diversi tipi di ebrei sono evidentissime in tipi “ariani”, senza che per questi ultimi si possa invocare come attenuante la minima circostanza ereditaria.

Nella storia d’Europa, vi sono stati diversi tentativi di formare un “Impero europeo”: Carlo Magno, Federico I e Federico II, Carlo V, Napoleone, Hitler, ma nessuno è riuscito a rifare, in maniera stabile, l’Impero di Roma. Quali sono state, secondo lei, le cause di questi fallimenti? Pensa che oggi la costruzione di un Impero europeo sia possibile? Se no, quali sono le ragioni del suo pessimismo?

Per rispondere, sia pure in maniera sommaria, a questa domanda, bisognerebbe poter disporre di uno spazio ben più grande che non quello di un’intervista. Mi limiterò a dire che gli ostacoli principali, nel caso del Sacro Romano Impero, sono stati l’opposizione della Chiesa, gl’inizi della rivolta del Terzo Stato (come nel caso dei Comuni), la nascita di Stati nazionali centralizzati che non ammettevano alcuna autorità superiore e, infine, la politica non imperiale ma imperialista della dinastia francese. Io non attribuirei, al tentativo di Napoleone, un vero carattere imperiale. Malgrado tutto, Napoleone è stato l’esportatore delle idee della Rivoluzione Francese, idee che sono state utilizzate contro l’Europa dinastica e tradizionale.

Drei_Kaiser_Bund-triplice-alleanza-europaPer quanto riguarda Hitler, bisognerebbe fare delle riserve nella misura in cui la sua concezione dell’Impero era fondata sul mito del Popolo (Volk = Popolo-razza), concezione che rivestiva un aspetto di collettivizzazione e di esclusivismo nazionalista (etnocentrismo). Fu solo nell’ultimo periodo del Terzo Reich che le vedute si allargarono, da una parte grazie all’idea di un Ordine, difesa da certi ambienti della SS, dall’altra grazie all’unità internazionale delle divisioni europee di volontari che si battevano sul fronte dell’Est.

Per contro, non bisognerebbe dimenticare il principio di un Ordine europeo che è esistito con la Santa Alleanza (il cui declino fu imputabile in gran parte all’Inghilterra) e anche con il progetto chiamato Drei Kaiserbund, al tempo di Bismarck: la linea difensiva dei tre imperatori che avrebbe dovuto inglobare anche l’Italia (con la Triplice Alleanza) e il Vaticano e opporsi alle manovre antieuropee dell’Inghilterra e della stessa America.

Un “Reich Europa”, non una “Nazione Europa”, sarebbe l’unica formula accettabile dal punto di vista tradizionale per la realizzazione di una unificazione autentica ed organica dell’Europa. Quanto alla possibilità di realizzare l’unità europea in questo modo, non posso non essere pessimista per le stesse ragioni che mi hanno indotto a dire che oggi c’è poco spazio per una rinascita del “ghibellinismo”: non c’è un punto di riferimento superiore, non c’è un fondamento per dare saldezza e legittimità a un principio d’autorità sopranazionale. Non si può infatti trascurare questo punto fondamentale e accontentarsi di fare appello alla “solidarietà attiva” degli Europei contro le potenze antieuropee, passando sopra ad ogni divergenza ideologica.

Gli uomini e le rovine-evolaAnche quando si giungesse, con questo metodo pragmatico, a fare dell’Europa una unità, ci sarebbe sempre il pericolo di veder nascere, in questa Europa, nuove contraddizioni disgregatrici, in particolare per quanto concerne le divergenze ideologiche e per effetto della mancanza di un principio, posto come primordiale, di un’autorità superiore. “Comunità di destino” ha valore solo come parola d’ordine di carattere pratico. Oggi è difficile parlare di “comune cultura europea”: la cultura moderna non conosce frontiere; l’Europa importa ed esporta “beni culturali”; non solo nel dominio della cultura, ma anche nel dominio del gusto, nel modo di vivere, si manifesta sempre più un livellamento generale che, coniugato con il livellamento prodotto dalla scienza e dalla tecnica, fornisce argomenti non a coloro che vogliono un’Europa unitaria, ma piuttosto a coloro che vorrebbero edificare uno Stato mondiale. Di nuovo, ci scontriamo con l’ostacolo costituito dall’inesistenza di una vera idea superiore differenziatrice, che dovrebbe essere il nucleo dell’Impero europeo. Al di là di tutto, il clima generale è sfavorevole: lo stato spirituale di devozione, di eroismo, di fedeltà, di onore nell’unità, che dovrebbe servire da cemento al sistema organico di un Ordine europeo imperiale è oggi, per così dire, inesistente. Il primo compito da eseguire dovrebbe essere una purificazione sistematica degli spiriti, antidemocratica e antimarxista, nelle nazioni europee. In seguito, bisognerebbe potere scuotere le grandi masse dei nostri popoli con mezzi diversi, sia facendo appello agli interessi materiali, sia con un’azione a carattere demagogico e fanatico che, necessariamente, solleciterebbe lo strato subpersonale e irrazionale dell’uomo. Questi mezzi implicherebbero fatalmente certi rischi. Ma tutti questi problemi non possono essere tratti in poche parole; d’altronde, ho avuto modo di parlarne in uno dei miei libri, Gli uomini e le rovine.

Note

(1) Per una svista, Evola attribuisce a Jules Lachelier la frase di Lagneau che egli aveva preposta a mo’ di epigrafe al primo dei suoi Saggi sull’Idealismo Magico (Atanòr, Todi-Roma 1925): “La philosophie, c’est la réflexion aboutissant à reconnaître sa propre insuffisance et la nécessité d’une action absolue partant du dedans” (J. Lagneau, Rev. de Mét. et de Mor., mars 1898, p. 127).

(2) Il Los von Rom (abbreviazione di Los vom Rom Bewegung, letteralmente “Movimento Via da Roma”) fu un movimento protestante anti-cattolico, sorto in Austria alla fine tra il 1882 (su iniziativa del deputato Georg von Schönerer, capo e principale esponente del movimento pangermanista austriaco) ed il 1897, dopo la formazione del ministero presieduto da Franz von Thun, accusato di favorire gli Slavi a discapito dei Tedeschi della monarchia austro-ungarica, per ispirazione diretta della curia romana. Di ispirazione pangermanista, il Los vom Rom sosteneva la separazione della chiesa austriaca dalla Chiesa cattolica di Roma, ispirandosi chiaramente al Kulturkampf, termine con cui com’è noto fu definita la accesa lotta politico-culturale che vide coinvolti la Chiesa cattolica e gli Stati tedeschi dalla fine del Concilio Vaticano I (1867-1870) ai primi decenni successivi alla fondazione dell’Impero tedesco (1871-1919). Più specificamente, con il termine Kulturkampf si riassume la legislazione anticuriale e anticlericale posta in essere dal governo tedesco in quegli anni, in particolare per opera di Otto von Bismarck, cancelliere del Reich dal 1871 al 1890, che cercò tra l’altro di soffocare lo sviluppo del Deutsche Zentrumspartei, partito centrista all’opposizione, di ispirazione cattolica ed antiunionista (N.d.R.).



Julius Evola

A proposito di...


'Intervista di Julius Evola a “La Nation Européenne”' has no comments

Vuoi essere il primo a commentare questo articolo?

Vuoi condividere i tuoi pensieri?

Il tuo indirizzo email non verrà divulgato.

"In una civiltà tradizionale è quasi inconcepibile che un uomo pretenda di rivendicare la proprietà di una idea e, in ogni caso, in essa chi così facesse, con ciò stesso si priverebbe di ogni credito e di ogni autorità, poiché condannerebbe l’idea a non esser più che una specie di fantasia senza alcuna reale portata. Se una idea è vera, essa appartiene in egual modo a tutti coloro che sono capaci di comprenderla; se è falsa, non c’è da gloriarsi di averla inventata. Una idea vera non può essere «nuova», poiché la verità non è un prodotto dello spirito umano, essa esiste indipendentemente da noi, e noi abbiamo solo da conoscerla. Fuor da tale conoscenza, non può esservi che l’errore" (R. Guénon)

Tutto quanto pubblicato in questo sito può essere liberamente replicato e divulgato, purché non a scopi commerciali, e purché sia sempre citata la fonte - RigenerAzione Evola