Taggato evola antimoderno

0

Civiltà | La cultura sotterranea (I parte)

Il numero speciale di “Civiltà” dedicato ad Evola riproponeva un saggio di Gianfranco De Turris inizialmente scritto come premessa al volume “Citazioni” del 1972, come spiegato in questa nota editoriale che lo introduceva proprio nella ripubblicazione su “Civiltà”: Al fine della completezza informativa di questo numero dedicato ad Evola, crediamo indispensabile ripubblicare l’ottimo saggio di…

0

Civiltà | Evola: un anno dopo

Nell’anniversario della scomparsa terrena di Julius Evola, riproponiamo, nell’ambito dello speciale “Civiltà”, un articolo in sua memoria scritto per il celebre periodico dall’avvocato Paolo Andriani, esattamente un anno dopo la dipartita del grande maestro. *** di Paolo Andriani (da “Civiltà” n. 12-13 maggio-agosto 1975) Roma, Corso Vittorio 197, un anno fa. Sono quasi le 3…

0

La razza dell’uomo sfuggente

Dopo aver pubblicato qualche giorno fa un articolo in cui Evola proponeva delle considerazioni sull’uomo obliquo, figura archetipica di una considerevole fetta dell’umanità contemporanea, torniamo sull’argomento con un ulteriore scritto evoliano che fu preparato, chiaramente sulla base del precedente ma in modo molto più articolato, in vista della celebre raccolta “L’arco e la clava”. Qui…

1

Considerazioni sull’uomo obliquo

di Julius Evola          Tratto da “Rivolta ideale” del 29 Maggio 1952. Nel precedente periodo avemmo a formulare una teoria delle “razze dello spirito”, che s’intendeva ad individuare tipi e atteggiamenti fondamentali dell’essere umano. Per il che ci riferimmo anche ad antiche tradizioni, le quali misero determinati caratteri in relazione simbolica con pianeti, divinità ed elementi:…

0

Noi antimoderni

di Julius Evola (tratto da “La Torre”, n° 1, 1 febbraio 1930) Per vie molteplici, oggi, si fa sempre più preciso il senso, che una minaccia oscura incombe sull’intera civilizzazione d’Occidente. Nella crisi, investente non questa o quella forma speciale, ma la compagine dell’intero mondo moderno, sembra che si preannuncino i sintomi della fine di…

1

Uomini… tra le rovine! (seconda parte)

(tratto dalla rivista “Il Reazionario” ) Non vi è avvenimento determinante o rilevante nella vita di un uomo che non sia stato più o meno inconsciamente voluto, desiderato, spiato da dietro la porta del normale stato di veglia. Compito primario dell’uomo è tuttavia quello di riscattare le scintille divine prigioniere della materia derivata dalla rovina…

0

19 Maggio 1898 – Nasceva J. Evola maestro della “Rivolta contro il Moderno Moderno”

di Maurizio Rossi La sua figura era paragonabile a quella di un convitato di pietra, ovvero di colui che siede al cospetto della società, ma appartiene ad altri mondi. D’altronde lo stesso Evola aveva più volte sottolineato che uno dei fondamentali compiti degli uomini della Tradizione era proprio quello di attraversare questo mondo, di agire…

"In una civiltà tradizionale è quasi inconcepibile che un uomo pretenda di rivendicare la proprietà di una idea e, in ogni caso, in essa chi così facesse, con ciò stesso si priverebbe di ogni credito e di ogni autorità, poiché condannerebbe l’idea a non esser più che una specie di fantasia senza alcuna reale portata. Se una idea è vera, essa appartiene in egual modo a tutti coloro che sono capaci di comprenderla; se è falsa, non c’è da gloriarsi di averla inventata. Una idea vera non può essere «nuova», poiché la verità non è un prodotto dello spirito umano, essa esiste indipendentemente da noi, e noi abbiamo solo da conoscerla. Fuor da tale conoscenza, non può esservi che l’errore" (R. Guénon)

Tutto quanto pubblicato in questo sito può essere liberamente replicato e divulgato, purché non a scopi commerciali, e purché sia sempre citata la fonte - RigenerAzione Evola