Libri & recensioni

0

Romualdi commenta Cavalcare la tigre (prima parte)

Sempre per il sessantesimo anniversario di “Cavalcare la tigre”, passiamo la parola ad un commentatore d’eccezione come Adriano Romualdi, che, nel suo saggio “Julius Evola: l’uomo e l’opera”, che uscì in prima edizione per l’Editore Volpe nel 1968, per i settant’anni del barone, ne analizzò tutte le opere, non mancando ovviamente di dedicare pagine importanti…

0

Il linguaggio segreto di Dante e dei «fedeli d’amore» (seconda parte)

Prosegue il nostro speciale “Dante 700”, con la seconda parte dell’ampio estratto dagli articoli dedicati da René Guénon al linguaggio segreto di Dante e dei Fedeli d’Amore, apparsi su Le Voile d’Isis dal 1929 al 1932, e raccolti poi ne “L’esoterismo cristiano”. *** di René Guénon Estratti dagli articoli pubblicati su Le Voile d’Isis, febbraio 1929…

0

Il Linguaggio segreto di Dante e dei «Fedeli d’Amore» (prima parte)

Come detto, anche se lo speciale dedicato a René Guénon è formalmente concluso, gli scritti del maestro di Blois continueranno sempre a trovare spazio su RigenerAzione Evola. E già oggi, nell’ambito del nuovo Speciale che anche noi abbiamo voluto dedicare a Dante Alighieri e “dintorni”, per i 700 anni dalla sua dipartita terrena, dopo l’articolo…

0

Speciale Dante 700 – Un gergo cifrato nella Divina Commedia

Quest’anno, com’è noto, vengono celebrati i 700 anni dalla dipartita terrena di Dante Alighieri. Le celebrazioni stanno di fatto riempiendo il calendario di tutto l’anno solare, con iniziative di ogni genere, talvolta anche lodevoli, per quanto, per lo più, estremamente riduttive della reale portata dell’opera dantesca che, non inquadrata correttamente in termini tradizionali, viene sminuita…

0

L’opera di Guénon commentata da Corrado Rocco (seconda parte)

Torniamo ancora al nostro Speciale 2021 dedicato a René Guénon, con la seconda parte dell’introduzione a firma di Corrado Rocco alla prima storica edizione italiana di “Considerazioni sulla Via Iniziatica” del 1949, dal medesimo autore tradotta per le Edizioni Fratelli Bocca di Milano. Come abbiamo ricordato in occasione della pubblicazione della prima parte di questo…

0

Spengler, Mussolini e gli “Anni decisivi”

Continuiamo lo Speciale dedicato ad Oswald Spengler, con un’altra sorpresa per voi lettori; e non sarà l’ultima, come vedrete. Oggi, vi proponiamo una rarità, vale a dire una breve recensione scritta da Benito Mussolini sulle colonne de “Il Popolo d’Italia” nel Dicembre 1933, relativa a Jahre der Entscheidung di Spengler, uscito proprio quell’anno in Germania,…

0

L’opera di Guénon commentata da Corrado Rocco (prima parte)

Tornando allo speciale in occasione dei settant’anni dalla dipartita terrena di René Guénon, lasciamo spazio oggi, con un altro piccolo scoop di RigenerAzione Evola, alle parole di Corrado Rocco, studioso di esoterismo che fu in contatto con il metafisico di Blois, e che di quest’ultimo tradusse e curò la prima storica edizione italiana di “Considerazioni…

0

La Prefazione di Evola al “Tramonto” di Spengler (seconda parte)

Seconda parte della prefazione che Evola abbinò alla sua storica traduzione per Longanesi, nel 1957, di Der Untergang des Abendlandes, “Il Tramonto dell’Occidente” di Oswald Spengler. Il barone si sofferma qui, in particolare, sul “cesarismo” nella concezione dello scrittore tedesco, e su alcune criticità del suo sistema. Nel finale, un’interessante breve appendice in cui Evola…

0

La Prefazione di Evola al “Tramonto” di Spengler (prima parte)

Tornando all’approfondimento dedicato ad Evola ed Oswald Spengler, proponiamo oggi la prima parte della prefazione che Evola abbinò alla sua storica traduzione per Longanesi, nel 1957, di Der Untergang des Abendlandes, “Il Tramonto dell’Occidente”. Ricordiamo che si trattò della prima traduzione in italiano della fondamentale opera dello scrittore tedesco, oggetto, nei decenni a venire ed…

"In una civiltà tradizionale è quasi inconcepibile che un uomo pretenda di rivendicare la proprietà di una idea e, in ogni caso, in essa chi così facesse, con ciò stesso si priverebbe di ogni credito e di ogni autorità, poiché condannerebbe l’idea a non esser più che una specie di fantasia senza alcuna reale portata. Se una idea è vera, essa appartiene in egual modo a tutti coloro che sono capaci di comprenderla; se è falsa, non c’è da gloriarsi di averla inventata. Una idea vera non può essere «nuova», poiché la verità non è un prodotto dello spirito umano, essa esiste indipendentemente da noi, e noi abbiamo solo da conoscerla. Fuor da tale conoscenza, non può esservi che l’errore" (R. Guénon)

Tutto quanto pubblicato in questo sito può essere liberamente replicato e divulgato, purché non a scopi commerciali, e purché sia sempre citata la fonte - RigenerAzione Evola