Tradizione & tradizioni

0

Chi è Satana, dov’è l’Inferno?

Tornando al contesto del tema dell’androgino primordiale, delle origini dell’uomo e della sua “caduta”, relativamente al tema dell’origine e del significato del “male” nella vita umana – di cui, ribadiamolo, viene data un’infarinatura, senza pretese sia pur minime di esaustività –  dopo le osservazioni di Evola (in “Mefistofele e l’androgino”, da noi ripubblicato con l’intitolazione…

0

Sulla “glorificazione” del lavoro

Alla vigilia del 1° maggio e delle consuete celebrazioni del dogma laico del lavoro, fondamento totalmente materializzato delle repubbliche contemporanee, lasciamo ancora, con piacere, la parola al Maestro Guénon, proponendo anche un parallelo con Evola sulla materia. In questo articolo, inserito nella prima opera postuma di Guénon, “Iniziazione e realizzazione spirituale”, uscita nel 1952, ideale…

0

La concezione romana della vittoria

Alla vigilia del Natale di Roma, che molto significativamente, quest’anno, coincide perfettamente con la data della Pasqua cristiana, entrambi centrati in un periodo dell’anno caratterizzato simbolicamente da rinascita, resurrezione, riemersione di forze sopite dopo la “pausa” invernale, proponiamo un articolo di Evola sulla concezione romana della Vittoria, che trovò spazio sulle colonne della rivista “Augustea”…

0

Il Demiurgo – dall’Unità alla Dualità

Torniamo oggi al filone inaugurato con l’inizio dello studio dell’androgino primordiale, delle origini dell’uomo e della sua “caduta”, con tutte le possibili, relative connessioni tematiche, riagganciandoci all’articolo evoliano “Mefistofele e l’androgino”, da noi ripubblicato con l’intitolazione “Le due concezioni della divinità”, per un interessante excursus sul delicatissimo tema dell’origine e del significato del “male” nella…

"In una civiltà tradizionale è quasi inconcepibile che un uomo pretenda di rivendicare la proprietà di una idea e, in ogni caso, in essa chi così facesse, con ciò stesso si priverebbe di ogni credito e di ogni autorità, poiché condannerebbe l’idea a non esser più che una specie di fantasia senza alcuna reale portata. Se una idea è vera, essa appartiene in egual modo a tutti coloro che sono capaci di comprenderla; se è falsa, non c’è da gloriarsi di averla inventata. Una idea vera non può essere «nuova», poiché la verità non è un prodotto dello spirito umano, essa esiste indipendentemente da noi, e noi abbiamo solo da conoscerla. Fuor da tale conoscenza, non può esservi che l’errore" (R. Guénon)

Tutto quanto pubblicato in questo sito può essere liberamente replicato e divulgato, purché non a scopi commerciali, e purché sia sempre citata la fonte - RigenerAzione Evola