Taggato adamo ed eva

0

l’Adamo primordiale e la Rosa dell’Eden

Concludiamo la parentesi sul tema dell’androgino e della coppia ancestrale Adamo-Eva, come preannunciato, con il contributo di Gaston Georgel, prestigioso studioso di metafisica, seguace di René Guénon, tratto dalla nota opera “Le quattro età dell’umanità”, dal cui capitolo IV abbiamo tratto e reintitolato alcuni estratti, integrati poi dagli approfondimenti redazionali nelle note, che affiancano le…

0

Adamo ed Eva

Penultimo contributo sul tema dell’androgino primordiale, delle origini dell’uomo e della caduta. Parola di nuovo a Mircea Eliade. Sicuramente una delle osservazioni del grande antropologo e studioso delle religioni rumeno merita una riflessione: “l’uomo non può «vivere» l’assoluto senza alterarlo”. Il riferimento ai tentativi di riprodurre l’androginia in questo mondo, in forma rituale, presso diverse…

0

Adamo primo uomo

Torniamo sul tema dell’androgino, delle origini e della caduta dell’umanità, con tre ulteriori scritti incentrati soprattutto sulla coppia ancestrale Adamo-Eva e sulla possibile derivazione della stessa dall’androgino primordiale. Il primo, che presentiamo oggi, è un breve articolo di Evola uscito sul “Roma” nel 1956; quindi, a seguire, due estratti da opere più vaste, uno ancora…

0

La dottrina dell’androgine nel misticismo cristiano

Nell’immagine in evidenza: Rebis o androgino (illustrazione da Viatorium spagyricum di H. Jamsthaler, Francoforte, 1625). di Julius Evola Tratto da “Metafisica del sesso” (capitolo 5, paragrafo 50) In Scoto Eriugena abbiamo visto che la dottrina dell’androgine aveva fatto apparizione negli stessi quadri della teologia cristiana. Senza una visibile connessione con Scoto, partendo invece soprattutto da…

"In una civiltà tradizionale è quasi inconcepibile che un uomo pretenda di rivendicare la proprietà di una idea e, in ogni caso, in essa chi così facesse, con ciò stesso si priverebbe di ogni credito e di ogni autorità, poiché condannerebbe l’idea a non esser più che una specie di fantasia senza alcuna reale portata. Se una idea è vera, essa appartiene in egual modo a tutti coloro che sono capaci di comprenderla; se è falsa, non c’è da gloriarsi di averla inventata. Una idea vera non può essere «nuova», poiché la verità non è un prodotto dello spirito umano, essa esiste indipendentemente da noi, e noi abbiamo solo da conoscerla. Fuor da tale conoscenza, non può esservi che l’errore" (R. Guénon)

Tutto quanto pubblicato in questo sito può essere liberamente replicato e divulgato, purché non a scopi commerciali, e purché sia sempre citata la fonte - RigenerAzione Evola