Taggato evola massoneria

0

La massoneria e la preparazione intellettuale delle rivoluzioni (II parte)

di Julius Evola tratto da “La Vita italiana”, XXVIII, 328, luglio 1940, pp. 39-47 (poi inserito nell’antologia “Scritti sulla Massoneria”, edito da Settimo Sigillo, e su “Scritti sulla Massoneria volgare speculativa” Edizioni Arya) segue dalla prima parte Si è convenuto di chiamar «speculativa» la forma nuova della massoneria manifestatasi originariamente in Inghilterra, non perché essa…

0

La massoneria e la preparazione intellettuale delle rivoluzioni (I parte)

Oggi, 14 luglio, in Francia è Festa Nazionale: si ricorda e si celebra, con la storica Presa della Bastiglia del 1789, la Rivoluzione Francese, uno di eventi più nefasti della storia dell’umanità, ma che ovviamente viene considerata dall’opinione pubblica mondiale in senso diametralmente opposto. In quest’articolo apparso su “La Vita Italiana” nel 1940, poche settimane…

1

“L’iniziazione nel mondo moderno” – La vera ultima intervista di Evola (prima parte)

Dopo aver pubblicato pochi giorni fa in due parti il testo di quella che fu falsamente spacciata come l’ultima intervista che Julius Evola avrebbe rilasciato a “Il Messaggero” e che sul noto quotidiano romano apparve il 13 giugno 1974, riteniamo assai significativo, proprio per contrasto, pubblicare, sempre in due parti, il testo di quella che…

1

“La carovana passa, i cani abbaiano…”

La risposta (congiunta) a “Studi evoliani 2014” di Raido e RigenerAzione Evola Lo scorso giugno la Fondazione Evola ha dato alle stampe Studi Evoliani 2014, cioè l’annuale resoconto delle attività svolte nonché di studi dedicati a Julius Evola in quell’anno da esponenti e collaboratori della Fondazione stessa (di seguito “Annuario”). Un capitolo a parte (visualizzabile…

"In una civiltà tradizionale è quasi inconcepibile che un uomo pretenda di rivendicare la proprietà di una idea e, in ogni caso, in essa chi così facesse, con ciò stesso si priverebbe di ogni credito e di ogni autorità, poiché condannerebbe l’idea a non esser più che una specie di fantasia senza alcuna reale portata. Se una idea è vera, essa appartiene in egual modo a tutti coloro che sono capaci di comprenderla; se è falsa, non c’è da gloriarsi di averla inventata. Una idea vera non può essere «nuova», poiché la verità non è un prodotto dello spirito umano, essa esiste indipendentemente da noi, e noi abbiamo solo da conoscerla. Fuor da tale conoscenza, non può esservi che l’errore" (R. Guénon)

Tutto quanto pubblicato in questo sito può essere liberamente replicato e divulgato, purché non a scopi commerciali, e purché sia sempre citata la fonte - RigenerAzione Evola