Taggato regresso

0

Diamo addio all’intelligenza?

Terza puntata dell’analisi evoliana sugli effetti nefasti dell’era tecnologica sull’uomo. Come preannunciato, Evola torna sul tema, attualissimo a distanza di sessant’anni, dell’abbassamento progressivo del livello medio dell’intelligenza nell’uomo contemporaneo. Ancora sul “Roma”, a distanza di pochi mesi dal precedente articolo “La tecnica che uccide il cervello”. *** di Julius Evola Tratto dal “Roma”, 23 giugno…

"In una civiltà tradizionale è quasi inconcepibile che un uomo pretenda di rivendicare la proprietà di una idea e, in ogni caso, in essa chi così facesse, con ciò stesso si priverebbe di ogni credito e di ogni autorità, poiché condannerebbe l’idea a non esser più che una specie di fantasia senza alcuna reale portata. Se una idea è vera, essa appartiene in egual modo a tutti coloro che sono capaci di comprenderla; se è falsa, non c’è da gloriarsi di averla inventata. Una idea vera non può essere «nuova», poiché la verità non è un prodotto dello spirito umano, essa esiste indipendentemente da noi, e noi abbiamo solo da conoscerla. Fuor da tale conoscenza, non può esservi che l’errore" (R. Guénon)

Tutto quanto pubblicato in questo sito può essere liberamente replicato e divulgato, purché non a scopi commerciali, e purché sia sempre citata la fonte - RigenerAzione Evola